Se il tuo cane mangia i propri escrementi o quelli di altri animali (coprofagia) non significa che è malato. La coprofagia è una brutta abitudine ma è più comune di quel che si pensa, soprattutto nei cuccioli, e spesso è un problema risolvibile.

PERCHÉ SUCCEDE?

I motivi sono vari e non necessariamente preoccupanti.

A volte si tratta di semplice curiosità e attrazione, soprattutto da parte dei cuccioli, in particolar modo verso le feci del gatto, che risultano essere di odore e sapore curiosamente gradevole per il cane.

Altre cause possono essere emulazione, noia, ansia e qualsiasi altro disturbo di tipo comportamentale.

Non è possibile escludere che alla base di tale comportamento ci sia una carenza energetica o nutrizionale. Questo è improbabile in cani in buono stato di salute e condizione corporea alimentati con cibo commerciale o casalingo completi e bilanciati e offerti nelle giuste quantità.

QUALE PUÒ ESSERE LA SOLUZIONE?

Nei cuccioli è un comportamento che tende a scomparire ma che nel frattempo è sempre bene rimproverare; se il problema persiste o se il cane è già adulto, è opportuno chiedere consiglio al proprio veterinario e/o a veterinari esperti in comportamento per identificare la causa della coprofagia.

Potrebbe essere utile usare prodotti in commercio che conferiscono un odore sgradevole alle feci dissuadendo il cane dall’ingestione.